14.05.2024

Volontariato

“Mi piace prendere semplici idee di ricerca e trasformarle in qualcosa che possa essere effettivamente utilizzato dalle persone."

La conoscenza: è ovunque, immagazzinata in documenti e archiviata in banche dati. Presso l’IBM Research Laboratory di Zurigo, il dottor Michele Dolfi sta pensando a come utilizzare strumenti come l'intelligenza artificiale per strutturare questo patrimonio di informazioni. È anche l'ex presidente delle Olimpiadi della Scienza. Gli abbiamo chiesto consigli professionali e abbiamo scoperto più cose sui PDF di quanto ci aspettassimo.

Lavora come responsabile tecnico nel gruppo AI for Knowledge presso l’IBM Research di Zurigo. Com'è la sua giornata tipo?

Lavoro con persone di tutto il mondo, quindi di solito la mattina inizio a informarmi su ciò che è successo negli altri fusi orari. Ho riunioni con il mio gruppo o chiamate con i clienti. Poi abbiamo un tempo dedicato a lavorare sui nostri progetti, durante il quale posso ad esempio fare un po’ di programmazione.

Su quali progetti sta lavorando il suo gruppo di ricerca?

Quando sono entrato a far parte del gruppo dopo aver terminato il mio dottorato in fisica teorica nel 2017, abbiamo iniziato con un'idea chiave: l'esplorazione della conoscenza. La visione era quella di costruire un sistema in grado di raccogliere la conoscenza dalle pubblicazioni e renderla ricercabile. Questo si è rivelato un po' più impegnativo del previsto. Uno dei primi problemi che abbiamo incontrato sono stati i documenti PDF. Le pubblicazioni sono solitamente in formato PDF e, sebbene siano ottime per visualizzare il contenuto su una pagina e per la stampa, non è affatto facile estrarre informazioni da esse. In un PDF ci sono molte piccole caselle che non corrispondono necessariamente a linee o parole. E non parliamo poi delle tabelle! 

Poiché i PDF sono così diffusi, una tecnologia che li converta bene è preziosa. Per questo abbiamo iniziato subito a lavorare con i clienti. Nel 2018, abbiamo persino avuto l'opportunità di lavorare con il team di prodotti del IBM per trasformare alcune delle nostre ricerche in parte di un vero prodotto IBM. Era esattamente il tipo di esperienza che cercavo nel mio lavoro. Mi piace prendere semplici idee di ricerca e trasformarle in qualcosa che possa essere effettivamente utilizzato dalle persone. 

I PDF sono più complicati di quanto pensassi! Può darci un esempio di un'altra sfida che la tiene impegnata in questi giorni?

L'idea chiave è rimasta la stessa da quando abbiamo iniziato, ma ovviamente i nuovi sviluppi comportano nuove sfide. L'anno scorso abbiamo assistito a un'enorme rivoluzione nel campo dell'intelligenza artificiale. I grandi modelli linguistici ci permettono di fare delle cose che non potevamo fare prima. Insieme a molte altre persone in IBM, il nostro gruppo ha iniziato a lavorare su alcune soluzioni per risolvere i problemi dell'intelligenza artificiale generativa.

Quando si pone una domanda a un'intelligenza artificiale, questa vi racconterà una storia bella, ma non necessariamente vera, utilizzando i dati su cui è stata concepita. Se siete un'azienda e volete usare l'IA per lavorare con le vostre informazioni interne, probabilmente il modello non sarà stato pensato per questo, quindi le sue risposte non vi saranno molto utili. Inoltre, potreste non volere che i vostri dati siano accessibili a chiunque! Siamo riusciti a trovare un modo per archiviare i vostri dati interni in modo che l'IA possa cercarli e includere le parti rilevanti nelle risposte generate. In questo modo, sapete anche da dove l'IA prende le sue risposte, rendendole più affidabili.

 

I partecipanti alle Olimpiadi della Fisica visitano l'IBM Research di Zurigo durante il secondo turno del 2024 (Fonte: Sebastian Käser)

 

Alcuni dei giovani ricercatori della comunità delle Olimpiadi della Scienza si stanno probabilmente chiedendo se sia meglio intraprendere un percorso accademico in un'università o entrare nell'industria. Qual’è stata la sua esperienza?

Il fatto è che l’IBM Research sembra davvero una via di mezzo. Applichiamo la ricerca nell'industria, ma siamo meno orientati al prodotto e profondamente legati al mondo accademico. Collaboriamo persino a progetti di ricerca finanziati dalla Swiss National Science Foundation. Ci sono dodici laboratori del IBM Research nel mondo e la nostra missione è quella di essere il motore di crescita organico dell'azienda. Non solo ci sforziamo di portare nuove innovazioni sul mercato, ma esploriamo anche il futuro dell'informatica stessa, ad esempio facendo ricerche sull'informatica quantistica. 

 

Il laboratorio del IBM Research Europe di Zurigo copre quattro aree di ricerca: Accelerated Discovery & AI, Hybrid Cloud Research, Security Research e Science of Quantum and Information Technology. Il campus comprende anche il Binnig and Rohrer Nanotechnology Center con una camera bianca e laboratori insonorizzati. Quattro ricercatori hanno già ricevuto due premi Nobel per il loro lavoro fondamentale presso l'IBM Research di Zurigo. Per saperne di più:  IBM Research Europe | Zurich

 

La maggior parte del vostro lavoro consiste nell'essere incaricati di risolvere problemi specifici o avete la possibilità di proporre e perseguire le vostre idee?

C'è molta libertà. Se avete un'idea che volete pubblicare o presentare a una conferenza, fatelo! Quando si lavora con un cliente, ad esempio un'azienda privata, ovviamente si è incaricati a risolvere il problema del cliente. Tuttavia, possiamo davvero apportare la nostra esperienza e i clienti apprezzano il nostro contributo. A volte abbiamo stipulato con i clienti i cosiddetti accordi di sviluppo congiunto, collaborando per risolvere insieme un problema.

Quali sarebbero i tre consigli che darebbe ai lettori che hanno appena iniziato la loro carriera?

Uno: interagite con i colleghi e partecipate attivamente nel vostro team. È sempre gradito essere voi ad aiutare gli altri e non solo limitandovi a chiedere agli altri di aiutarvi. Due: non fate cose fini a sé stesse, ma pensate a come possano essere utili. Ci sono molti modi per rendere il vostro lavoro utile agli altri: potreste rendere il vostro codice open source, costruire una comunità di persone con interessi comuni o trasformare il vostro lavoro in un prodotto. Tre: Fate volontariato! Questo vi darà molte opportunità di sperimentare e acquisire nuove competenze. Leadership, lavoro di squadra, contabilità, gestione di un sito web... tutto questo potrebbe servirvi nella vostra carriera.

 

Michele Dolfi (davanti a sinistra) come parte della delegazione svizzera all'IPhO 2006 in Spagna. (Fonte: Alfredo Mastrocola)

 

È diventato un volontario per le Olimpiadi delle Scienze dopo aver partecipato alle Olimpiadi della Fisica nel 2005 e nel 2006 e aver assistito al primo OlyDay con l'ex consigliere federale Pascal Couchepin. Che impatto hanno avuto le Olimpiadi delle Scienze sulla sua carriera?

Sono quasi certo che tutto sarebbe andato diversamente se non avessi partecipato alle Olimpiadi della Scienza. Durante il mio dottorato all'ETH, è emerso durante una pausa caffè che molti dei miei colleghi e persino uno dei professori avevano partecipato a diverse Olimpiadi della Scienza. Non ero l'unico a condividere questa esperienza. Quando abbiamo organizzato le Olimpiadi Internazionali di Fisica in Svizzera nel 2016, abbiamo creato lo strumento "OlyExams" che è ora ampiamente utilizzato. Uso ancora gli strumenti che ho utilizzato per "OlyExams" mentre lavoravo per l’IBM.

 

L’IBM Research Europe di Zurigo condivide la missione delle Olimpiadi della Scienza di promuovere e sviluppare i talenti intellettuali. Il laboratorio di Zurigo permette ai partecipanti e ai volontari di esplorare delle attività interessanti in vari campi scientifici, collegando diverse discipline, teoria e pratica.

 

Dal 2016 al 2020 è stato presidente del comitato delle Olimpiadi della Scienza. Era uno dei periodi più dinamici dei 20 anni di storia dell'associazione centrale: una nuova identità aziendale, un nuovo co-direttore, delle nuove associazioni... Guardando indietro, c'è qualcosa che farebbe diversamente?

Volevamo far capire che, piuttosto che dieci Olimpiadi della Scienza, siamo davvero uniti come le Olimpiadi della Scienza. Questo è stato accolto molto bene da alcune persone, soprattutto da quelle attive nel comitato, ma il messaggio era anche controverso e si è facilmente diluito quando è arrivato ai membri di ogni associazione. Immagino che avremmo potuto fare di più, ma alla fine non si può mai fare tutto. 

Per il futuro, incoraggerei le Olimpiadi della Scienza a reclutare i loro membri non solo tra gli ex partecipanti, ma anche tra gli insegnanti. Un singolo insegnante può attirare diverse classi di studenti alla competizione e farlo in modo costante per molti anni. Sarebbe prezioso avere più insegnanti come volontari.

 

Altri articoli

Associazione

Fisica

Informatica

“Mi piace prendere semplici idee di ricerca e trasformarle in qualcosa che possa essere effettivamente utilizzato dalle persone."

La conoscenza: è ovunque, immagazzinata in documenti e archiviata in banche dati. Presso l’IBM Research Laboratory, Michele Dolfi sta pensando a come strutturare questo patrimonio di informazioni. È anche l'ex presidente delle Olimpiadi della Scienza. Gli abbiamo chiesto consigli professionali.

Chimica

«Vielleicht ist unter ihnen die nächste Nobelpreisträgerin»

Im Regionaljournal Zürich Schaffhausen vom 17. Juli 2023 berichtet der Usterner Champion Andrin Hauenstein von seinen ersten IChO-Eindrücken und ETH-Rektor Günther Dissertori zündet die Flamme der Neugier.

Fisica

Associazione

„Wir können dafür sorgen, dass sich die Teilnehmerinnen in einem männlich wahrgenommen Umfeld wohler fühlen“

Wie kann unser Wettbewerb alle Geschlechter ansprechen? Auf diese Frage haben wir vor drei Jahren Antworten gefunden – in der Theorie. Nun blicken wir auf die Wirkung in der Praxis. Heute am Beispiel der Physik-Olympiade. Im Gespräch: Die Freiwillige Alexandra Smirnova.

Matematica

Associazione

Ganz in ihren vielen Elementen

Das Klischee: Mathe ist nur etwas für verschrobene Nerds. Das Gegenbeispiel: Ruhi Pungaliya. Die Finalistin und Freiwillige der Mathematik-Olympiade lebt zwischen Schwimmsport, Musik und Mathematik.

Informatica

Associazione

„Die EGOI ist ein Herzensprojekt von mir“

Wie kann unser Wettbewerb alle Geschlechter ansprechen? Auf diese Frage haben wir vor drei Jahren Antworten gefunden – in der Theorie. Nun blicken wir auf die Wirkung in der Praxis. Heute am Beispiel der Informatik-Olympiade. Im Gespräch: Charlotte Knierim.

Associazione

Chimica

Why it is worth becoming a volunteer for IChO 2023

Itzel from Mexico and Ivan from Russia both live in Zurich and have two things in common: They’ve participated in the International Science Olympiad and are now involved in organising the International Chemistry Olympiad IChO 2023 in Zurich, bringing together young people from 90 countries.